Dove la Posta forgia i propri talenti informatici

La Posta non è solo un’impresa di logistica. Da tempo sta infatti trasformandosi in una vera e propria azienda digitale. Oltre 1500 collaboratori e apprendisti informatici stanno portando avanti in modo formidabile il processo di digitalizzazione della Posta e di PostFinance. Per restare sempre all’avanguardia, quattro anni fa la Posta ha fondato l’ICT Academy, mentre PostFinance ha sviluppato il Competence Center of Young Professionals CCYP, due diverse sedi funzionali ai cicli di formazione per le professioni informatiche. Queste fucine di talenti rappresentano la risposta della Posta alla carenza di personale specializzato in ambito informatico.

Continuare a leggere

Come la Posta si prepara contro gli attacchi digitali

Shopping online, e-banking, SMS… I servizi digitali semplificano la nostra vita quotidiana. Al contempo ci rendono però anche più vulnerabili: la cyber-criminalità è infatti onnipresente. Non ne è esente nemmeno l’enorme rete informatica della Posta, che viene attaccata circa 350 volte al giorno. Wolfgang Eger, nuovo CIO della Posta, ci parla della rete informatica della Posta, della sua attrattività per gli hacker e della possibilità di proteggerla adeguatamente.

Continuare a leggere

«Finanze sotto pressione»

Fino a metà 2019 la Posta ha generato un utile di 193 milioni di franchi, registrando così un calo di 25 milioni rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Anche il risultato d’esercizio (EBIT) ha registrato una diminuzione di 19 milioni di franchi rispetto al primo semestre del 2018, fermandosi a quota 269 milioni. La flessione dei proventi da interessi presso PostFinance e il continuo calo dei volumi delle lettere mettono ulteriormente sotto pressione il risultato della Posta. Nella breve videointervista, Alex Glanzmann, responsabile Finanze della Posta, illustra il risultato semestrale.

Continuare a leggere

Navigazione della pagina