Come la Posta ha combattuto le epidemie del secolo scorso

Il coronavirus non è la prima pandemia che la Posta ha dovuto affrontare. Sapevate che durante l’epidemia di afta epizootica i collaboratori della Posta sono dovuti restare in quarantena e la corrispondenza veniva recapitata dalla polizia locale? E che le filiali della Posta hanno dovuto chiudere temporaneamente perché i suoi impiegati avevano contratto l’influenza spagnola? L’archivio delle PTT apre il suo tesoro di informazioni e ci rivela se la Posta ha già vissuto una situazione di crisi simile al coronavirus e come ha reagito.

Continuare a leggere

Quanto vale dunque questo francobollo?

Pianificato con largo anticipo, e infine annullato: a causa della pandemia di coronavirus, il Campionato mondiale di hockey su ghiaccio previsto per maggio in Svizzera non ha avuto luogo. Tuttavia, il francobollo speciale che la Posta ha dedicato al grande evento continua a essere disponibile e in corso di validità. Non è una contraddizione? Ed è mai capitato prima d’ora che venisse realizzato un francobollo per un evento che poi non si è verificato? Ecco sette domande e risposte su questo argomento.

Continuare a leggere

Un record. Una novità. E ogni giorno tanti saluti per mezzo di una cartolina postale.

Le vacanze sono il momento giusto per le cartoline. Questi saluti personalizzati su carta diventano ancora più personali se si inserisce una fotografia. È stata proprio l’emergenza coronavirus a dimostrare che le cartoline postali personalizzate, corredate di una foto scattata dal mittente, sono molto popolari. Nel mese di aprile 2020, infatti, in Svizzera sono state inviate oltre un milione di cartoline con foto tramite l’app PostCard Creator, facendo segnare un nuovo record nella storia di questa applicazione. Grazie alle nuove funzioni, come filtri ed emoji, ora gli utenti possono realizzare cartoline postali ancora più creative e personalizzate. E proprio oggi un bambino ha ricevuto la sua 2702ª cartolina.

Continuare a leggere

Navigazione della pagina