Il boom del pacchetto in numeri

Il commercio online è in piena espansione e pone nuove sfide alla Posta Svizzera. La Posta reagisce e pianifica nuovi centri pacchi regionali. In futuro il trattamento dei pacchi avverrà direttamente nella regione. Questo accorcia i tempi di trasporto e accelera il trattamento dei pacchi provenienti da altri centri.

L’ 8 ottobre è stato celebrato il primo colpo di vanga per il nuovo centro pacchi regionale nel Vallese: Nel mese di maggio del 2020, la Posta inaugurerà a Vétroz questo secondo di tre nuovi centri pacchi regionali su una superficie di all’incirca 25’000 metri quadri in zona Botza.

Quello di Vétroz è uno dei tre centri pacchi che verranno realizzati entro il 2020. Tutti e tre saranno collegati a una rete di trasporto diretto. I pacchi verranno quindi spartiti e distribuiti in Vallese e, ad esempio, non dovranno più passare per Daillens (VD). La grafica illustra i percorsi:

 

 

La vista dettagliata mostra che in futuro i pacchi provenienti dal Vallese rimarranno nel Vallese: Le vie di trasporto sono più brevi e i pacchi vengono recapitati più velocemente ai clienti.

 

Con i nuovi centri pacchi la Posta risponde al continuo boom dei pacchi in Svizzera. Sempre più persone fanno acquisti online e preferiscono avere la merce ordinata nella propria cassetta delle lettere il giorno successivo. Questo si riflette in modo impressionante nel numero sempre crescente di pacchi prioritari. Attualmente rappresentano più del 50% di tutti i pacchi.

Da alcuni anni, il volume del mercato online è in aumento.

 

Lo scorso anno, la Posta ha trattato quasi 130 milioni di pacchi, ossia il 6,2% in più rispetto all’anno precedente. La costruzione di tre nuovi centri pacchi regionali entro il 2020 a Vétroz, Cadenazzo (TI) e Untervaz (GR) costituisce una tappa importante per riuscire a coprire il crescente volume di pacchi e rispondere alle esigenze della clientela anche dopo il 2020. La Posta prevede di costruire ulteriori centri pacchi in altre regioni. Per il momento non è tuttavia ancora stato definito quanti saranno e dove saranno ubicati.