Recapito veloce o lento? Il 1o febbraio la Svizzera festeggia 30 anni di Posta A e B

Quanti ricordi: il 1991 fu l’anno delle celebrazioni per i 700 anni della Confederazione svizzera, centinaia di migliaia di donne organizzarono mobilitazioni e scioperi e le radio trasmettevano ininterrottamente brani come «Dangerous» di Michael Jackson, «Joyride» dei Roxette o «Smells Like Teen Spirit» dei Nirvana. Ma il 1991 fu anche l’anno in cui, precisamente il 1o febbraio, le PTT introdussero la Posta A e B. Nonostante il clamore mediatico e contro ogni pessimistica previsione, la Posta A e B compie 30 anni. La doppia tariffa fu introdotta dalle PTT per rispondere all’eccezionale aumento dei volumi di lettere:

Continuare a leggere

«Dopo i giorni di festa i volumi di pacchi si sono mantenuti a livelli elevati»

Lo scorso anno il personale della Posta ha trattato enormi quantità di pacchi, e per di più in condizioni difficili. Il boom del commercio online ha polverizzato tutti i record segnati in passato dalla Posta. In prima linea, a garantire lo svolgimento ottimale della lavorazione quotidiana dei pacchi, c’è Stefan Luginbühl, responsabile Accettazione, trasporto e spartizione di Servizi logistici della Posta. Con lui diamo uno sguardo al 2020, un anno ricco di avvenimenti e di… pacchi.

Continuare a leggere

Record di lettere per Babbo Natale e Gesù Bambino

Nel 2020 a Natale i bambini hanno scritto a Babbo Natale e Gesù Bambino un numero di lettere mai raggiunto prima. Dalla fine di novembre sono giunte alla Posta 34’286 letterine da tutta la Svizzera: un nuovo record. Queste lettere dimostrano chiaramente quanto l’emergenza coronavirus riguardi anche i bambini.

Continuare a leggere

Navigazione della pagina